Studio Lemme | Le SS.UU. della Cassazione si pronunciano sulla commissione di massimo scoperto
4589
post-template-default,single,single-post,postid-4589,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded

Le SS.UU. della Cassazione si pronunciano sulla commissione di massimo scoperto

Le SS.UU. della Cassazione si pronunciano sulla commissione di massimo scoperto

Posted by Giuliano Lemme in news

Le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza 16303 del 20.6.2018, si sono pronunciate sul problema della commissione di massimo scoperto applicata dalle banche in rapporto alla normativa antiusura.

Il principio di diritto enunciato è stato il seguente: “Con riferimento ai rapporti svoltisi, in tutto o in parte, nel periodo anteriore all’entrata in vigore delle disposizioni di cui all’art. 2 bis d.l. n. 185  del 2008, inserito dalla legge di conversione n. 2 del 2009, ai fini della verifica del superamento del tasso soglia dell’usura presunta come determinato in base alle disposizioni della legge n. 108 del 1996, va effettuata la separata comparazione del tasso effettivo globale d’interesse praticato in concreto e della commissione di massimo scoperto (CMS) eventualmente applicata – intesa quale commissione calcolata in misura percentuale sullo scoperto massimo verificatosi nel periodo di riferimento – rispettivamente con il tasso soglia e con la “CMS soglia”, calcolata aumentando della metà la percentuale della CMS media indicata nei decreti ministeriali emanati ai sensi dell’art. 2, comma 1, della predetta legge n. 108, compensandosi, poi, l’importo della eventuale eccedenza della CMS in concreto praticata, rispetto a quello della CMS rientrante nella soglia, con il “margine” degli interessi eventualmente residuo, pari alla differenza tra l’importo degli stessi rientrante nella soglia di legge e quello degli interessi in concreto praticati“.

Di seguito il testo integrale della sentenza.

 

Testo della sentenza

28 giu 2018