Studio Lemme

Le “case della memoria”: un’ipotesi particolare di bene culturale

D.lgs. 42/2004 (c.d. “Codice Urbani”) prevede tre diversi livelli di tutela dei beni culturali in mano privata: l’interesse semplice, legato all’età (oltre cinquant’anni) ed all’autore (non più vivente): da esso deriva il semplice obbligo di chiedere l’attestato di libera circolazione nel caso di uscita definitiva dal territorio nazionale, ai sensi dell’art. 65, autorizzazione che viene negata ove il bene sia dichiarato di interesse particolarmente importante, ai sensi dell’art. 13, con un provvedimento per il quale ancora oggi si usa il termine “notifica”… [pdf]

Chiudi il menu